1044754_10208593796910403_4830933422171819669_n

Consigli utili

– Gli spazi sono interminabili, per vedere più posti serve molto tempo, si devono usare voli interni o viaggi in bus interminabili. Non è una vacanza mordi e fuggi. Per prenotare aerei andate sul sito di aerolineas argentinas http://www.aerolineasargentinasgsa.com, oppure sul sito http://www.despegar.com per tutte le offerte. Per prenotare un pullman invece potete utilizzare il sito http://www.plataforma10.com/ar

– Se arrivate dall’Italia a Buenos Aires e dovete prendere un volo interno, dovete cambiare aeroporto e passare da Ezeiza a Newbery: si trovano agli angoli opposti della città. Prima di prenotare un volo considerate che ci metterete circa mezz’ora a recuperare le valigie e passare i controlli dell’immigrazione più un’ora di viaggio fino a Newbery. I bus navetta gratuiti ci sono solo ogni ora e mezzo. Cercate di tenere quindi almeno 4 ore libere per uno scalo senza sorprese

– Serve solo il passaporto, nessuna tassa o assicurazione

– Non prenotate gli alberghi su internet, contrattando sul posto costano meno

– I bancomat non fanno prelevare molto e difficilmente funzionano, venite con molto contante

– Il cambio in nero è “quasi” legale perché le banche non cambiano gli euro in pesos soprattutto fuori dalla capitale, appena potete cambiate tutto il contante. Alcuni negozi accettano comunque direttamente gli euro, con un cambio meno favorevole

– Contrattate sempre le escursioni, ma evitate quelle troppo organizzate: se volete gustarvi i paesaggi e i paesi tra Ande e Pampas meglio spostarsi con mezzi pubblici e fermarsi a dormire in giro per godersi l’atmosfera

– Gli orari sono quelli spagnoli: si cena dalle 22 in poi, si va a ballare dalle 3

– Le prese di corrente sono le stesse di quelle italiane

– Preparatevi a noiose discussioni sul calcio e soprattutto sul mondiale del ‘90, quando l’Italia perse contro l’argentina in semifinale. Sono più malati degli italiani

– Fuori dalla capitale l’Argentina è super sicura. Viaggiano molte donne e i furti e le aggressioni quasi non esistono. State tranquilli: è un popolo meraviglioso e ospitale. State attenti solo a Buenos Aires

-Se viaggiate verso Iguazù portatevi un repellente: le zanzare qui vi mangiano vivi

Advertisements